sesso & relazioni

Le tue abilità sociali? Mettile alla prova con questo test

Essere socialmente competenti presuppone la capacità di esprimere emozioni e opinioni con calma e fermezza ma, soprattutto, di adattare il comportamento alla situazione.

test abilita sociali

La vita di gruppo di api e formiche è tanto complessa da essere stupefacente. Quella dei lupi e delle scimmie, addirittura, è regolata da dinamiche simili alle nostre.

Ma la socialità della nostra specie è unica, formandosi per effetto dell’esperienza ben più che dell’istinto.

L’apprendimento delle competenze sociali è un percorso che inizia fin dalla nascita, nell’interazione con la mamma e il papà, contesto in cui si impara a esprimere richieste ed emozioni, a cogliere i bisogni altrui e ad affermare i propri.

Non è un caso che la maggior parte di coloro che mancano di abilità sociali non abbiano goduto, da giovani, di opportune occasioni d’apprendimento, vivendo a contatto con adulti a loro volta sprovvisti di competenze oppure nella trascuratezza.

Ma analoghi deficit possono anche essere il risultato di circostanze più comuni, per esempio nascere da contesti di aggressività o da quelli in cui il silenzio è la principale strategia di risoluzione dei conflitti.

Cresciuto in un tale clima, un bambino avrà buone probabilità di diventare un adulto carente di abilità relazionali: la scarsa fiducia in sé e l’ansia verso gli altri, nel frattempo, saranno diventate abitudini.

I piccoli osservano i grandi e ne traggono “modelli”. Senza volerlo, un genitore che si isola potrebbe trasmettere al figlio lo stesso atteggiamento. Uno che parla con gli altri papà e mamme favorisce l’esito opposto.

Ma gli adulti non sono i soli a plasmare le abilità dei piccoli. I figli unici, quelli che non frequentano l’asilo nido o la scuola materna hanno meno occasioni di osservare gli altri bambini proprio nel momento in cui ciò sarebbe più importante: i coetanei esercitano un ruolo determinante nel fornire strumenti di socialità.

Vi sono, infine, le esperienze condizionanti. In effetti, circa il 60% dei pazienti con Fobia Sociale ricorda vecchi episodi di critica o esclusione, per esempio umiliazioni da parte di un insegnante, oppure atti di bullismo. Circostanze traumatiche che possono intaccare la sicurezza di sé e indurre inibizioni.

Un ragazzo costretto ad alzare la voce per essere ascoltato dai genitori, oppure a sottomettersi a compagni di classe prepotenti, se fa propri tali modelli d’interazione si troverà, in seguito, spaesato: nel mondo degli adulti sono efficaci ben altri comportamenti.

Cosa si intende per “competenza sociale”

“Sapersi comportare” non per forza significa essere eloquenti, colti o estroversi. Presuppone, invece, l’empatia, la naturalezza, la calma e la fermezza nel comunicare emozioni e opinioni, la capacità di adattarsi alla situazione, di cogliere i segnali interpersonali e rispondervi con coerenza.

Più che l’erudizione, le doti da leader o la simpatia, quindi, alla base della competenza sociale vi è la flessibilità. In effetti non esiste un atteggiamento “giusto” in ogni circostanza: essere vivaci e spiritosi è appropriato a una festa, non lo è in una silenziosa biblioteca.

Altro tratto distintivo della persona con buone abilità sociali è l’assertività, cioè la capacità di esprimere bisogni, opinioni ed emozioni con franchezza e semplicità, nella consapevolezza di avere sempre il diritto di essere trattati con rispetto.

Essere assertivi riguarda sia la forma, sia la sostanza di ciò che si dice. Chi è assertivo non si sente costretto ad accondiscendere ma non umilia, critica o aggredisce chi ha idee diverse dalle proprie. Afferma le proprie emozioni e capisce quelle altrui, sa chiedere nel momento del bisogno, sa dire “grazie” e “no”.

Un modo di fare che, di certo, richiede esercizio e che non viene di per sé naturale come, invece, la passività o l’aggressività.

La passività è l’abitudine a porsi in secondo piano. Chi è passivo quasi mai contraddice e non manifesta opinioni se prevede di trovare opposizioni. Questo atteggiamento rivela mitezza d’animo? Buona educazione? In realtà è la conseguenza dell’incapacità di fronteggiare le critiche, della paura di deludere e di perdere la stima. La passività è il risultato educativo tipico delle famiglie in cui le esigenze dei singoli non sono espresse, se non in modo sottinteso o manipolativo, oppure di quelle in cui vi è un genitore dominante. La sottomissione, in questo secondo caso, è finalizzata a neutralizzarne l’aggressività.

Aggressivo, al contrario, è chi considera importanti solo i propri bisogni. Gli aggressivi, in genere, provengono da famiglie trascuranti, nelle quali i genitori sono assenti o vi è lassismo nello stabilire limiti e regole, oppure da quelle in cui la prepotenza e l’uso della forza è la sola strada per farsi valere.

Infine, il comportamento passivo-aggressivo racchiude in sé entrambi gli atteggiamenti. Una persona è passivo-aggressiva se si prende carico di un’incombenza che in realtà non vorrebbe e poi, accampando scuse, non la porta a termine. Allo stesso modo è passivo-aggressivo chi manifesta rabbia o contrarietà con il sarcasmo o con l’ironia, cioè non apertamente.

Misura le tue abilità sociali

Istruzioni per compilare il test: il seguente questionario è predisposto per misurare le tue competenze sociali. Ricorda di indicare, per ognuna delle 20 affermazioni, UNA SOLA RISPOSTA, quella che più somiglia al tuo abituale modo di agire. Al termine del test clicca sul pulsante “Finito” per avere l’esito, che potrà essere: 1) Competenze sociali basse; 2) Competenze sociali medio-basse; 3) Competenze sociali nella media; 4) Competenze sociali medio-alte; 5) Competenze sociali alte.

RICORDA: il test è gratuito, anonimo e ha una validità basata sull’osservazione clinica. Il suo esito non ha valore diagnostico.

© Gabriele Calderone, riproduzione riservata. Seguimi su Instagram @_il_dito_e_la_luna_


1. Accondiscendo alle opinioni altrui, anche quando non sono d'accordo.

Mai o quasi mai
A volte
Spesso
Sempre o quasi sempre


2. Mi è difficile guardare qualcuno negli occhi mentre gli parlo.

Mai o quasi mai
A volte
Spesso
Sempre o quasi sempre


3. Comunico ed esprimo le mie emozioni, positive e negative, in modo diretto.

Mai o quasi mai
A volte
Spesso
Sempre o quasi sempre


4. Se non sono istruito su un argomento, lo dico.

Mai o quasi mai
A volte
Spesso
Sempre o quasi sempre


5. So stare anche nelle situazioni che mi provocano disagio.

Mai o quasi mai
A volte
Spesso
Sempre o quasi sempre


6. Riesco a comprendere e a immedesimarmi nei sentimenti altrui.

Mai o quasi mai
A volte
Spesso
Sempre o quasi sempre


7. In gruppo, so prendere la parola per dire la mia.

Mai o quasi mai
A volte
Spesso
Sempre o quasi sempre


8. Riesco a esprimermi con voce chiara e in modo comprensibile.

Mai o quasi mai
A volte
Spesso
Sempre o quasi sempre


9. Se mi accorgo di aver commesso uno sbaglio, mi scuso.

Mai o quasi mai
A volte
Spesso
Sempre o quasi sempre


10. Sono aggressivo con chi non mi rispetta.

Mai o quasi mai
A volte
Spesso
Sempre o quasi sempre


11. Se qualcuno mi esprime una critica giusta, lo ringrazio.

Mai o quasi mai
A volte
Spesso
Sempre o quasi sempre


12. Tendo ad aggregarmi e a provare ammirazione per le persone dominanti.

Mai o quasi mai
A volte
Spesso
Sempre o quasi sempre


13. Esprimo le mie ragioni con calma, anche quando sono teso o arrabbiato.

Mai o quasi mai
A volte
Spesso
Sempre o quasi sempre


14. Conversando, nelle mie parole prevalgono critiche e giudizi.

Mai o quasi mai
A volte
Spesso
Sempre o quasi sempre


15. So oppormi alle richieste illegittime.

Mai o quasi mai
A volte
Spesso
Sempre o quasi sempre


16. Cerco di avere la meglio sugli altri, con i modi o con le parole.

Mai o quasi mai
A volte
Spesso
Sempre o quasi sempre


17. In un gruppo di lavoro, a chi non collabora lo faccio notare.

Mai o quasi mai
A volte
Spesso
Sempre o quasi sempre


18. Di fronte a persone d'autorità divento sottomesso.

Mai o quasi mai
A volte
Spesso
Sempre o quasi sempre


19. Faccio volentieri favori, ma fatico a chiederli.

Mai o quasi mai
A volte
Spesso
Sempre o quasi sempre


20. Se qualcuno ferisce i miei sentimenti, con calma glielo dico.

Mai o quasi mai
A volte
Spesso
Sempre o quasi sempre



Clicca sul pulsante qui a fianco per vedere i risultati



Vuoi parlare con noi di un tuo problema?
Fissa un primo appuntamento!
Resta aggiornato!
Ti avviseremo per email sui nuovi articoli
UN MOMENTO SOLO PER TE
...

leggi altro su

sesso & relazioni

Ecco come puoi capire se ti manca l’autocontrollo. E cosa puoi fare per migliorarlo

Un bambino che fa i capricci per avere un giocattolo nuovo. O che piagnucola perché la mamma o il papà gli hanno appena...

Introduzione alle tecniche di rilassamento: lo stress e i suoi sintomi

Quando si parla di stress inevitabilmente si pensa a qualcosa di negativo e dannoso. In realtà, moderate e momentanee...

Passività e aggressività, due vie opposte che portano alla rabbia

Le interazioni, fisiche e verbali, sono le componenti principali di ciò che chiamiamo “relazione”: è attraverso le interazioni, infatti, che...

La personalità narcisista

Le critiche, soprattutto quelle costruttive, aiutano a crescere. Accettandole puoi riflettere sui tuoi...

I disturbi di personalità. Cosa sono e come riconoscerli

Sei una persona attiva o passiva? Dominante o sottomessa? Impulsiva o riflessiva? Davanti un problema, il tuo istinto è...

Un antidoto per la frustrazione e la rabbia: l’assertività

La rabbia è, fra tutte, sicuramente una delle emozioni che si provano più di frequente. Nonostante siano innumerevoli...

Perché si diventa fobici sociali… e cosa accade dopo

Il programma dei tuoi amici è una cena al ristorante e poi… locali notturni, fino all’alba: è sabato sera e tu sei...

La causa della bassa autostima? Queste 4 abitudini

Che opinione ha di me, chi mi conosce? Ho le carte in regola per farcela? Pensare a se stessi in termini di valore è...

Sei insicuro e vuoi migliorare? Segui questi 4 passi

Talento e bellezza. Non sono, forse, qualità che tutti vorremmo? E non potrebbe essere altrimenti, visto che le...

Vuoi superare la paura di parlare in pubblico ma non ci riesci? Alcuni tuoi comportamenti e convinzioni potrebbero esserne la causa

Trovarsi al centro dell’attenzione può non essere semplice, perché significa correre il rischio di commettere errori...

Psicoterapia o psicofarmaci? Consigli per gli ansiosi

In corridoio, seduto di fronte alla porta dell’aula in cui si stanno svolgendo le interrogazioni, ti giunge...

Quanta autostima hai? Misurala gratis con un test

Due fra i test più utilizzati per la valutazione dell'autostima (e quindi per tracciare una linea di intervento efficace...

Sei ansiosa, irritabile o triste prima delle mestruazioni? Può essere disforia premestruale

Con l’inizio della pubertà, di solito fra i dodici e i quindici anni, le ragazze hanno il menarca, cioè il primo...